Storia

Storia  ed obbiettivi

 

L’Università popolare di Cavarzere è uno dei principali poli della cultura locale. Si articola
proprio come una Università ed è stata costituita con lo scopo di diffondere lettere, scienze
ed arti ai fini della crescita culturale e sociale dei cittadini.
L’atto costitutivo dell’Associazione ha avuto luogo il giorno 20 Novembre 1990. L’anima
del progetto è stato il Maestro Romano Cavallaro, uomo di grande cultura e sensibilità
sociale.
I padri fondatori dell’Università, guidati dal Maestro, sono stati


Badiale Riccardo
Baldi Carlo
Salmaso Enzo
Pavanato Tullio
Riccardo Badiale
Zulian Fabrizio
Zanninello Giovanni
Niola Roberto
Caruso Nunzio
Vallese Giovanni
Gregianin Franco
Pavanato Ugo Stino
Quagliato Fanny


L’Università popolare è apolitica. Non ha scopi di lucro e la sua azione si esplica attraverso
corsi organici, letture, discussioni, tavole rotonde. proiezioni cinematografiche, ascolti
musicali, gite turistico-culturali.
L’Associazione è amministrata da un Consiglio direttivo, inizialmente formato da cinque membri e aumentati a sette nel corso dell'Assemblea dei Soci del 02(?) ottobre 2012. Fanno parte del Consiglio direttivo a pieno diritto un rappresentante dell’Amministrazione comunale ed uno del Provveditorato agli studi.
L’Università popolare è aperta a tutti i cittadini residenti sia nel Comune di Cavarzere sia in
altri comuni. L’iscrizione non comporta alcun vincolo, i soci hanno piena libertà di adesione
e di recesso.
L’Associazione è regolata da uno Statuto che ne definisce la costituzione e i fini, le
adesioni a soci, le strutture di governo (Assemblea dei soci, Il Consiglio direttivo, i Revisori
dei conti ed i Probi viri).
Una delibera della Giunta comunale in data 20.11.1990 concede l’autorizzazione all’uso di
locali di proprietà comunale da parte dell' Università popolare.

L'attività è autofinanziata dai soci mediante le quote annuali di adesione, da un contrubuto  (variabile) elargito dal Comune di Cavarzere , da sponsor pubblici e privati che finanziano specifiche attività.

Nel 2010 è stato festeggiato il ventennale dell'associazione con consegna di targa ricordo ai soci fondatori ed a personalità che hanno contribuitoin tutti questi anni all'organizzazione ed all'attività dell'Università medesima
L’anno Accademico inizia nel mese di Ottobre e termina ad Aprile. Si articola in media in
50 conferenze con relative prolusioni di apertura e di chiusura. Si programmano non meno
di quattro visite turistico-culturali in città d’arte.

Il  2012-2013 è il XXIII  anno  e l’attività dell’Associazione non è mai venuta
meno, si è via via arricchita di nuove proposte. Anche le iscrizioni sono progressivamente
aumentate. Ad oggi gli iscritti sono  143.
Sono coinvolte anche le Associazioni culturali presenti nel territorio, che danno il loro
apporto proponendo relatori ed organizzando eventi culturali.
A tenere le prolusioni di apertura e chiusura dell’Anno accademico si sono alternate
personalità di Cavarzere che si sono imposte nel campo della medicina, delle lettere e delle
arti.
E’ stato dato ampio spazio a giovani laureati che hanno illustrato le loro tesi di laurea e di
Corsi di specializzazione.
Si sono intrecciati rapporti con agenzie culturali ed istituzioni delle città vicine, molti eventi
musicali hanno avuto luogo grazie alla collaborazione con i Conservatori musicali di Adria,
Rovigo, Padova.
Si sono visitate mostre di altissimo livello in varie città del Veneto, della Lombardia,
dell’Emilia Romagna. Tali mostre sono state preventivamente preparate da cultori di storia
dell’arte.
La musica nelle sue varie forme ha avuto ampio spazio sia sul piano della conoscenza
storica sia su quella dell’ascolto.
Un ruolo importante ha avuto nella programmazione la storia delle tradizioni popolari, del
folklore e della vita sociale.
L’Università popolare è una Associazione aperta, pronta a cogliere le istanze culturali di
tutti i cittadini, sensibile alle problematiche dei giovani e dei meno giovani.